Bioterrorismo, il lato oscuro della rivoluzione genetica

DEVASTANTI. Malgrado le precauzioni, la produzione di ordigni biochimici pone problemi di sicurezza enormi.
Per i primi dieci giorni abbiamo avuto paura di aerei commerciali dirottati e usati come missili. Ora gli americani temono una nuova minaccia, ancora più disastrosa: virus e batteri sparsi dal cielo sopra aree popolate, che infettano e uccidono milioni di persone. L'Fbi ha riferito che, nelle settimane precedenti l'11 settembre, alcuni dei dirottatori responsabili dell'attacco alle torri del World Trade Center avevano fatto diverse visite a un aeroporto
della Florida in cui sono custoditi velivoli utilizzati per la disinfestazione. Secondo le testimonianze dei proprietari, gli attentatori hanno fatto domande in merito alla capacità di carico, alla portata e al funzionamento di quegli aerei. L'Fbi ha successivamente bandito il volo di tutti i 3.500 velivoli privati della nazione utilizzati per la disinfestazione, in attesa di ulteriori indagini. Nel frattempo, diverse università, tra cui quelle del Michigan, della
Pennsylvania, del Clemson e dell'Alabama, hanno vietato il sorvolo dei loro stadi durante le partite di football, per paura di un attacco con armi biologiche.

A Washington, i responsabili a livello decisionale si stanno affannando per cercare di arginare l'ansia dilagante, stanziando fondi per fare scorte di antibiotici e vaccini e aggiornando le procedure di emergenza negli ospedali e nelle cliniche della nazione.

Purtroppo, finora i politici, gli esperti di strategia militare e i media hanno trascurato una realtà ancora più preoccupante, che sta alla base delle nuove paure sul bioterrorismo. Il fatto è che le nuove informazioni sul genoma recentemente scoperte e utilizzate per gli scopi commerciali dell'ingegneria genetica nei settori dell'agricoltura, dell'allevamento e della medicina sono potenzialmente convertibili nello sviluppo di una vasta gamma di nuovi organismi patogeni che possono attaccare piante, animali ed esseri umani.



Inoltre, a differenza delle bombe nucleari, i materiali e gli strumenti necessari per creare agenti biologici da impiegare per scopi bellici sono facilmente accessibili ed economici: ed è perciò che questo tipo di armi viene spesso definito «la bomba nucleare dei poveri». Un laboratorio biologico all'avanguardia potrebbe essere allestito e reso operativo con un investimento di soli 10 mila dollari e potrebbe occupare anche una stanza di soli 4,5 x 4,5 metri. L'occorrente si limita a un fermentatore per birra, una coltura a base di proteine, un telo di plastica e una maschera antigas.

Un aspetto altrettanto allarmante è rappresentato dal fatto che migliaia di studenti che frequentano i laboratori dei centri di perfezionamento postlaurea di tutto il mondo sono sufficientemente informati sulle tecniche rudimentali di utilizzo della tecnologia di clonazione e del dna ricombinante per progettare e produrre in serie armi di questo tipo. Ironicamente, se da un lato il governo Bush manifesta una profonda apprensione per il bioterrorismo, proprio quest'estate la Casa Bianca ha stupito la comunità mondiale rifiutando le nuove proposte di intensificazione della Convenzione sulle armi biologiche. L'ostacolo è rappresentato dalle procedure di verifica che permetterebbero ai governi di ispezionare i laboratori delle ditte di biotecnologia statunitensi. Il 40 per cento delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche mondiali risiede negli Usa e queste società hanno detto a chiare lettere ai negoziatori americani che non avrebbero tollerato una sorveglianza dei loro impianti, per paura del furto di
brevetti e segreti commerciali. Il fallimento delle trattative attesta l'esistenza di un nuovo, sgradevole scenario con cui nessuno di noi sembra disposto a confrontarsi. In futuro, le applicazioni distruttive della rivoluzione biotecnologica saranno altrettanto cruciali quanto quelle costruttive.



La guerra biologica implica l'impiego di organismi viventi per scopi militari. Le armi biologiche possono essere virali, batteriche, fungose, protozoiche e rickettsiali. Gli agenti biologici possono mutare, riprodursi, moltiplicarsi e diffondersi su vaste aree geografiche grazie al vento, all'acqua, agli insetti, nonché alla trasmissione umana e animale. Una volta diffusi, molti agenti patogeni sono in grado di sviluppare nicchie vitali e di mantenersi
nell'ambiente per sempre. Gli agenti biologici convenzionali includono: la Yersinia pestis (peste), la tularemia, la febbre della Rift Valley, la Coxiella burnetii (febbre Q), l'encefalite equina orientale, l'antrace e il vaiolo. Le
armi biologiche non sono mai state utilizzate in modo diffuso in ragione dei rischi e dei costi connessi alla lavorazione e allo stoccaggio di grandi quantitativi di sostanze tossiche, nonché a causa della difficoltà di orientare
su un bersaglio la disseminazione degli agenti biologici. Tuttavia, i progressi compiuti nelle tecniche dell'ingegneria genetica nel corso dell'ultimo decennio hanno reso la guerra biologica possibile per la prima volta nella storia.

Le «armi geneticamente modificate», messe a punto con il dna ricombinante, possono essere prodotte in diversi modi. Le nuove tecnologie possono essere impiegate per programmare i geni affinché si trasformino in microrganismi infettivi, al fine di aumentare la loro resistenza agli antibiotici, la loro virulenza e la loro stabilità ambientale.

È possibile inoculare geni in organismi per influenzare le funzioni regolatrici che controllano lo stato d'animo, il comportamento e la temperatura corporea. Gli scienziati affermano di essere in grado di clonare tossine selettive per eliminare determinati gruppi etnici o razziali la cui costituzione genotipica li predispone a particolari tipi di malattie. L'ingegneria genetica può venire utilizzata anche per distruggere specifiche razze o specie di piante o animali domestici, nell'intento di minare l'economia di un paese.



Le nuove tecnologie dell'ingegneria genetica forniscono una tipologia versatile di armi che possono essere utilizzat per un'ampia gamma di scopi militari, che spaziano dal terrorismo e dalle operazioni controinsurrezionali alle azioni di guerra su vasta scala dirette contro intere popolazioni. Molti governi, tra cui gli Stati Uniti, sostengono che le loro attività belliche biologiche sono solo difensive e affermano che il Trattato sulle armi biologiche in vigore permette una ricerca difensiva. Ma è risaputo che è virtualmente impossibile distinguere tra ricerca difensiva e offensiva nel settore.

Robert L. Sinsheimer, noto biofisico ed ex rettore della University of California di Santa Cruz, scriveva alcuni anni fa nel Bulletin of atomic scientists (Bollettino degli scienziati atomici, ndt) che, a causa della natura di questa particolare categoria di sperimentazione, non esiste un modo appropriato per distinguere debitamente tra l'uso per scopi pacifici e quello per fini militari delle tossine letali. Lo studio esaustivo sulla guerra chimica e biologica condotto dall'Istituto internazionale di ricerche sulla pace di Stoccolma concorda con l'affermazione di Sinsheimer e conclude che «alcuni metodi di produzione di vaccini sono tecnicamente molto affini alla produzione di agenti per la guerra biologica e pertanto offrono facili opportunità di
conversione».

Quindi, l'attuale Convenzione sulle armi biologiche è seriamente compromessa, anche al di là della questione della verifica e dello sviluppo. Osservatori militari professionisti non sono ottimisti circa la possibilità di tenere la rivoluzione genetica fuori dalla portata degli strateghi militari. Come strumento di distruzione di massa, le armi genetiche uguagliano gli armamenti nucleari e possono venire sviluppate per una frazione del costo di questi ultimi. E ciò basta per fare della tecnologia genetica l'arma ideale del futuro. La notizia che l'Iraq aveva stoccato ingenti quantitativi di germi patogeni per scopi bellici ed era pronto a usarli durante la guerra del Golfo Persico ha rinnovato l'interesse del Pentagono nella ricerca difensiva, per neutralizzare la prospettiva di un'escalation nella corsa agli armamenti biologici. Il governo di Saddam Hussein aveva preparato quello che esso stesso aveva battezzato il «grande livellatore», un arsenale di 25 testate missilistiche con oltre 5 mila chili di agenti biologici, inclusi i germi letali del botulismo e dell'antrace.

Altri 15 mila chili di microrganismi patogeni erano stati collocati in bombe da lanciare da velivoli militari. Se i germi fossero stati effettivamente impiegati per questi scopi bellici, i risultati sarebbero stati catastrofici. Per avere un'idea dei danni potenziali, basta considerare l'arsenale iracheno alla luce di uno studio condotto dal governo Usa nel 1993, da cui risultò che lo spargimento di soli 90 chili di spore di antrace da un aereo su Washington avrebbe potuto uccidere 3 milioni di persone.

L'Iraq non è l'unico stato ad avere interesse a sviluppare una nuova generazione di armi biologiche. In uno studio del 1995, la Cia riferì che 17 paesi erano sospettati di ricercare e accumulare microrganismi patogeni per uso bellico. Tra queste nazioni vi sono l'Iraq, l'Iran, la Libia, la Siria, la Corea del Nord, Taiwan, Israele, il Vietnam, Cuba, l'India, la Corea del Sud, il Sud Africa, la Cina e la Russia.

Poiché le nozioni sulla congiunzione per incastro tra i geni divengono sempre più accessibili, è probabile che la prossima generazione sarà coinvolta in una nuova, mortale corsa alle armi biologiche. La diffusione della sperimentazione con armi prodotte per modificazione genetica, sia per scopi offensivi sia per ricerca difensiva, aumenta la probabilità che si verifichino spargimenti accidentali.


Nessun laboratorio, per quanto controllato e sicuro, è esente da guasti. Disastri naturali, quali inondazioni e incendi, come pure violazioni della sicurezza, sono possibili e ineluttabili. È inoltre altrettanto probabile che terroristi e fuorilegge ricorrano alle nuove armi genetiche per seminare la paura e il caos, nel tentativo di spingere la società ad accogliere le loro richieste. Fra qualche settimana, 143 nazioni si incontreranno a Ginevra per rivedere la Convenzione sulle armi biologiche del 1972, un trattato finalizzato a «proibire lo sviluppo, la produzione e lo stoccaggio di armi tossiche e biologiche». Negli ultimi sei anni i governi si sono incontrati varie volte nel
tentativo di rafforzare i termini del trattato.

Ma i negoziatori che si incontreranno a Ginevra in novembre devono comprendere la potenziale gravità della situazione e agire di conseguenza. Innanzitutto, devono considerare la pericolosa scappatoia del trattato in vigore, che consente ai governi di impegnarsi nella ricerca difensiva quando, di fatto, gran parte di questa ricerca è potenzialmente convertibile in scopi offensivi. In secondo luogo, non bisogna permettere che l'intento delle aziende biotecnologiche statunitensi e di altre di tutto il mondo di tutelare segreti professionali e informazioni di carattere commerciale faccia deragliare i protocolli. È ora di usare le maniere forti e agire come si deve. E di pensare che il bene della civiltà umana sia più importante degli interessi di un esiguo numero di aziende
biotech.

* Jeremy Rifkin è l'autore di «L'era dell'accesso» (Mondadori, 2000) e
presidente di The Foundation on economic trends di Washington, D.C.


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]