Agriturismo

L'ospitlità rurale "sostenibile"

Prima di essere un insieme di tecniche e di risultati, l´agricoltura biologica rappresenta una concezione della vita e dell´economia rurale. Se per decenni si è ragionato esclusivamente in termini di rapporto tra costi e benefici, senza sottovalutare le ragioni della produttività il paradigma biologico suggerisce da tempo la necessità di operare bilanci più complessivi, capaci di introdurre nelle "somme finali" fattori di carattere sociale ed economico derivati. Come dire: la riflessione intorno al concetto di prodotto non può prescindere dalla componente dell´etica sociale e da1 concetto di "sviluppo sostenibile".

Tra gli obiettivi cui sempre più spesso gli agricoltori biologici puntano, occorre ricordare la produzione di alimenti di alta qualità, la possibilità di lavorare con un giusto reddito e in un ambiente più salubre, di risparmiare energia e materie prime (valorizzando I´utilizzo di fonti energetiche rinnovabili), di tutelare l´ambiente non utilizzando sostanze pericolose, migliorando la fertilità del terreno, favorendo la diversificazione produttiva e proponendo, infine, un modello agricolo valido per i pro duttori dei Paesi emergenti, in risposta ai problemi dell´autosufficienza alimentare e dell´indipendenza economica.

La filosofia sottesa al biologico, infatti, considera il sistema agricoltura non più a se stante, ma derivato dall´interazione tra ecosistema naturale e sistema sociale, per rispondere alle esigenze dell´uomo nel pieno rispetto della natura.

Questo modello, tuttavia, ha ancora necessità di essere diffuso.

Nel caso delle produzioni alimentari naturali il vero fattore di promozione è stato, negli ultimi 15 anni, l´anello finale della catena, ossia i consumatori, che dopo essere stati attratti dalla "naturalità" in senso lato, hanno sempre più cercato in via prevalente o totale il prodotto biologico.

Partendo da queste premesse, l´Associazione Italiana per I´Agricoltura Biologica ha voluto far incontrare questo patrimonio con l´agriturismo, ormai riconosciuta espres-sione di una sensibilità originale nel mercato de1 turismo.

Coniugando biologico e ospitalità rurale questa guida presenta dunque, e per la prima volta, un circuito di fattorie che, oltre a delineare uno scenario in cui è possibile vivere il proprio tempo libero in natura e qualificare la vacanza con soggiorni "personalizzati", sono particolarmente attente alla "compatibilità" ambientale delle loro proposte. Una scelta ulteriore di campo che si evidenzia fin dalla tipologia delle strutture di accoglienza (spesso rivisitate con i metodi della bioarchitettura), nelle produzioni aziendali, naturalmente, nella gastronomia, nella volontà di salvaguardia del patrimonio ambientale (attraverso la sua responsabile fruizione turistica) e culturale (molte delle fattorie propongono corsi, laboratori, sessioni didattiche per le scuole) del territorio.

Prima di "lasciare la parola" alle fattorie, vere protagoniste di questo peculiare viaggio lungo la nostra Penisola, occorre infine sottolineare la scelta dell´elemento illustrativo, che ha sostituito con garbo e maggiore incisività quello fotografico.

Il segno divertito ed evocativo dei disegni al tratto di Mauro Cicaré, infatti, ha voluto completare un progetto editoriale mirato alla ricostruzione di un´atmosfera omogenea capace, al contempo, di vivere una propria autonomia rispetto alle singole descrizioni dei testi.

Prima di essere un insieme di tecniche e di risultati, l´agricoltura biologica rappresenta una concezione della vita e dell´economia rurale. Se per decenni si è ragionato esclusivamente in termini di rapporto tra costi e benefici, senza sottovalutare le ragioni della produttività il paradigma biologico suggerisce da tempo la necessità di operare bilanci più complessivi, capaci di introdurre nelle "somme finali" fattori di carattere sociale ed economico derivati. Come dire: la riflessione intorno al concetto di prodotto non può prescindere dalla componente dell´etica sociale e da1 concetto di "sviluppo sostenibile".

Tra gli obiettivi cui sempre più spesso gli agricoltori biologici puntano, occorre ricordare la produzione di alimenti di alta qualità, la possibilità di lavorare con un giusto reddito e in un ambiente più salubre, di risparmiare energia e materie prime (valorizzando I´utilizzo di fonti energetiche rinnovabili), di tutelare l´ambiente non utilizzando sostanze pericolose, migliorando la fertilità del terreno, favorendo la diversificazione produttiva e proponendo, infine, un modello agricolo valido per i pro duttori dei Paesi emergenti, in risposta ai problemi dell´autosufficienza alimentare e dell´indipendenza economica.

La filosofia sottesa al biologico, infatti, considera il sistema agricoltura non più a se stante, ma derivato dall´interazione tra ecosistema naturale e sistema sociale, per rispondere alle esigenze dell´uomo nel pieno rispetto della natura.

Questo modello, tuttavia, ha ancora necessità di essere diffuso.

Nel caso delle produzioni alimentari naturali il vero fattore di promozione è stato, negli ultimi 15 anni, l´anello finale della catena, ossia i consumatori, che dopo essere stati attratti dalla "naturalità" in senso lato, hanno sempre più cercato in via prevalente o totale il prodotto biologico.

Partendo da queste premesse, l´Associazione Italiana per I´Agricoltura Biologica ha voluto far incontrare questo patrimonio con l´agriturismo, ormai riconosciuta espres-sione di una sensibilità originale nel mercato de1 turismo.

Coniugando biologico e ospitalità rurale questa guida presenta dunque, e per la prima volta, un circuito di fattorie che, oltre a delineare uno scenario in cui è possibile vivere il proprio tempo libero in natura e qualificare la vacanza con soggiorni "personalizzati", sono particolarmente attente alla "compatibilità" ambientale delle loro proposte. Una scelta ulteriore di campo che si evidenzia fin dalla tipologia delle strutture di accoglienza (spesso rivisitate con i metodi della bioarchitettura), nelle produzioni aziendali, naturalmente, nella gastronomia, nella volontà di salvaguardia del patrimonio ambientale (attraverso la sua responsabile fruizione turistica) e culturale (molte delle fattorie propongono corsi, laboratori, sessioni didattiche per le scuole) del territorio.

Prima di "lasciare la parola" alle fattorie, vere protagoniste di questo peculiare viaggio lungo la nostra Penisola, occorre infine sottolineare la scelta dell´elemento illustrativo, che ha sostituito con garbo e maggiore incisività quello fotografico.

Il segno divertito ed evocativo dei disegni al tratto di Mauro Cicaré, infatti, ha voluto completare un progetto editoriale mirato alla ricostruzione di un´atmosfera omogenea capace, al contempo, di vivere una propria autonomia rispetto alle singole descrizioni dei testi.

 


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]