1999: Disastri ambientali e mutamento climatico

Tre milioni di "profughi ambientali" anche nella opulenta America. Si e' assistito alla pi grossa migrazione, in lussuosi furistrada, pieni di oggetti, di massa di esseri umani in zona di pace. Scappavano da Floyd, il sesto, come sesta la lettera f dell'alfabeto, uragano della stagione 1999. Partito come depressione oceanica tra Africa e America Latina come Dennis, Cindy ed Emily alla fine di agosto, Floyd in settembre diventato un uragano di livello 4. Forte come Floyd era stata Camilla nel 1960 che aveva fatto oltre 270 morti ed oltre 2 miliardi di dollari di danni.

Ma nell'era di internet gli americani, a differenza degli honduregni e nicaraguensi, hanno evitando Floyd, la prevenzione dei centri che studiano gli uragani, spiandoli minuziosamente dal satellite dal nascere al morire ha evitato una catastrofe umana che ci fu ad inizio secolo: per un ciclone nel nord america: furono 6.000 i morti lasciati dalla devastazione di vento e pioggia, che c'e' stata in centro america lo scorso anno a causa dell'uragano Mitch.

Dopo aver flagellato le 700 isole dell'arcipelago delle Bahamas e scalfitto appena (100.000 senza luce e miliardi di dollari di danni) la Florida, il vortice di venti a 200 Km all'ora e piogge devastanti diventato grande come lo stato del Texas. I danni di Floyd si aggirano a circa 100 miliardi di dollari che i cittadini pagheranno di tasca propria. Infatti le compagnie assicurative USA non assicurano pi contro le catastrofi climatiche perch esse stanno diventando troppo frequenti e le compagnie di riassicurazione, come I Lloyd di Londra non intendono piu' farsi carico di un settore che economicamente sta andando in perdita.

L'uragano Andrew nel 1992, di forza quattro caus 26 morti e 25 miliardi di dollari di danni. Il pi grosso evento calamitoso fu un tifone senza nome che nel 1970 in Bangladesh fece oltre 300.000 morti.

A sostenere attivo e forte Floyd, che potrebbe essere il primo di una serie di devastanti uragani per la zona centro-nord Americana, c' la Nia il fenomeno di correnti fredde che si sviluppano nell'oceano Atlantico alla altezza dell'Argentina e fanno da complemento al caldo fenomeno natalizio del Nio sulle coste dell'Oceano Pacifico. I due "bambinelli" che non sono parenti stanno cambiando le circolazioni oceaniche e portano effetti mutevoli e talvolta nefasti.

Anche la cinese Hong Kong, dall'altra parte del mondo isolata per un tifone dirompente che si sta abbattendo nella zona asiatica con venti e piogge che hanno bloccato tutti i voli nell'aeroporto della ex colonia britannica dove sono stati aperti oltre 30 rifugi per la popolazione.

Secondo uno studio di Greenpeace nei prossimi anni gli uragani aumenteranno la loro forza almeno del 20% a causa del mutamento climatico che porter temperature pi alte e sconvolgimenti nelle circolazioni di masse di aria e di acque oceaniche mutando il clima.

Il cambiamento climatico un fatto concreto che minaccia la natura e la societ. L'uragano Mitch lo scorso anno si abbattuto sul vcentro america ed ha lasciato oltre 3 milioni di profughi ambientali, gente che ha perso anche la propria casa di fango e canne ed destinato ad una morte di stenti nel nulla dell'Honduras, del Nicaragua. Le evidenze dei fatti sono la migliore testimonianza, anche per gli scettici. Hanno tuonato i climatologi ed i meteorologi, ed I membri dei governi a richio uragani alla COP5 (quinta conferenza delle parti della convenzione sui mutamenti climatici) di Bonn.

Durante I giorni del negoziato un'altro tifone dalla forza inconsueta ha distrutta un'intera area dell'India, facendo direttamente oltre 20.000 morti e creando almeno, stando al delegato a Bonn del governo indiano, 15.000.000 di senza tetto. Ma I morti potrebbero essere molti di piu' visto che la povera gente in india non e' neppure registrata all'anagrafe e nessuno la cerchera' mai.

Ma vediamo di ricostruire anche quanti scritto nei rapporti scientifici fatti dai ricercatori di Greenpeace e coincidenti con quanto elaborato dalla IPCC, il braccio scientifico delle Nazioni Unite per I problemi del clima:

Ma vero che il Mondo si sta scaldando?

Vediamo alcuni dati scientifici:

  • oltre 0.6 C di variazione nell'ultimo secolo;

  • lo scioglimento dei ghiacci e l'arretramento dei ghiacciai permanenti nel Mondo gi in corso come anche lo scioglimento del permafrost nell'Artico;

  • il livello dei mari salito di oltre 25 cm nell'ultimo secolo;

Le prospettive per il futuro non sono incoraggianti:

  • incremento della temperatura di 2C per l'anno 2100;

  • oltre 50 cm di innalzamento del livello dei mari per il 2100;

  • significativa perdita di specie animali e vegetali;

  • aumento delle patologie a carico degli umani (ampliamento dell'areale della malaria, della febbre gialla della febbre Dengue, delle malattie cardio respiratorie);

  • migrazioni di massa delle popolazioni e creazione di "profughi dell'ambiente";

  • estinzione di culture


[Alimentazione Naturale
] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]