Grillo... Transgenico



Quello che state per leggere è un articolo apparso su Avvenire il 19 gennaio 2001.
Un amico professore mi ha spiegato che un transgenico è un organismo modificato in laboratorio. Gli ingegneri prendono certe molecole da una cellula di canguro e le sparano in una cellula di pettirosso o di cinghiale. Quasi sempre la cellula muore, vorrei vedere voi se vi cangurassero il Dna, anche solo un pochettino.... Però una su mille di queste cellule di pettirosso cangurate sopravvive e diventa un transgenico. Hanno fatto nascere Andi, una scimmietta con un gene di medusa fluorescente: la natura da sola non lo farebbe nemmeno in miliardi di anni. Loro lo fanno in tre mesi. Siamo passati dai creatori di moda alla Armani alla moda della creazione alla Monsanto.
A volte cercano di fare cose che sembrano sensate. Per esempio un riso transgenico con vitamina A, quella che normalmente sta nelle carote e nei pomodori. Ma non è più semplice farsi un bel risotto con le carote o i pomodori? E non avrà i suoi buoni motivi il riso per non avere la vitamina A? Il buon motivo degli ingegneri statunitensi è che mentre gli indonesiani il riso e le carote naturali li hanno già, le sementi transgeniche dovrebbero comprarle ogni anno. Ma poi durerà? Hanno inventato eucalipti su misura per le cartiere. Producono più cellulosa, ma sono così smidollati da spezzarsi alla prima tempesta e così deboli che se li pappano le formiche. Insomma se la natura migliora un organismo in milioni di anni, siamo sicuri di fare meglio noi in pochi mesi?




cerca nel sito





Unione Europea
Leggi Regionali
Fiere Mercati
Convegni Congressi
Editoria
Notizie in Breve
Gli Articoli
Links

[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Editoria] [Links] [HOME]

webmaster - Daniele Cavallari