Elenco dei Comuni
con sperimentazioni autorizzate dal Ministero della Sanità:

 (altro elenco: i permessi accordati fino al 26 luglio 2000  secondo la Comunità Europea)

Chiarimenti sulle località in cui sono condotte sperimentazioni con OGM.

Le liste in questione comprendono località nelle quali le sperimentazioni si riferiscono anche ad anni passati, non piu' in atto. Vengono citate per consentire una corretta memoria di quanto avvenuto. Si informa che l'unico sito web istituzionale per la materia è quello del Ministero della Sanita', che ringraziamo per il lavoro svolto.  Ci rammarichiamo pero' che anziche' identificare meglio il luogo in cui vengono disseminati nell'ambiente gli Ogm, e' stata tolta l'identificazione dell'azienda che accetta di impiegare tali prodotti.
Tale segretezza induce molti sospetti sulla regolarita' della disseminazione nell'ambiente. E' più importante la privacy di chi esegue sperimentazioni o la salute dei cittadini, il diritto dei confinanti di essere informati, la verifica pubblica della salvaguardia della biodiversità?

Perche'ci opponiamo alla diffusione degli Ogm in agricoltura?
Perchè un comune dovrebbe diventare Comune Antitransgenico ?

Per:
- Evitare di compromettere l'equilibrio biologico e l'ecosistema
- Prevenire danni alla salute della popolazione
- Valorizzare le produzioni locali, di pregio, tradizionali

- Consentire alle aziende a conduzione biologica di poter continuare la propria attività
- Per non impedire alle aziende adiacenti alla disseminazione di effettuare la conversione ad agricoltura biologica
- Promuovere un modello di agricoltura dal massimo rispetto ambientale
- Informare la popolazione sugli effetti perversi di una agricoltura industrializzata

ATTENZIONE:
di cosa si deve tener conto per ottenere dal Ministero della Sanità l'autorizzazione
(1) per impiantare coltivazioni OGM?
Il controllo è affidato ai Carabinieri e all'Anpa (2).

.......Direttiva 90/220/CEE......

III. INFORMAZIONE SULLE CONDIZIONI IN CUI AVVIENE L'EMISSIONE DELIBERATA E SULL'AMBIENTE RICEVENTE

A. Informazione sull'emissione:

1. Descrizione dell'emissione deliberata progettata, compreso lo o gli scopi e i prodotti previsti.
2. Date previste dell'emissione e previsto calendario dell'esperimento, comprese la frequenza e la durata delle emissioni.
3. Preparazione della zona prima dell'emissione.
4. Superficie della zona.
5. Metodo o metodi impiegati per l'emissione.
6. Quantità di OGM da emettere.
7. Perturbazione della zona (tipo e metodo di coltivazione, attività minerarie, irrigazione, altre attività).
8. Metodi di protezione dei lavoratori durante l'emissione.
9. Trattamento della zona dopo l'emissione.
10. Tecniche previste per eliminare o rendere inattivi lo o gli OGM alla fine dell'esperimento.
11. Informazioni e risultati di precedenti emissioni degli OGM, specialmente se fatte su scale e in ecosistemi differenti.

B. Informazione sull'ambiente (zona d'emissione e ambiente più vasto):

1. Localizzazione geografica e coordinate della o delle zone (in caso di notifica ai sensi della parte C, per zone di emissione si intendono le località previste per l'uso del prodotto).
2. Vicinanza fisica o biologica a persone e altri elementi di flora e fauna significativi.
3. Vicinanza a significativi biotopi o località protette.
4. Entità della popolazione locale.
5. Attività economiche delle popolazioni locali basate sulle risorse naturali della località.
6. Distanza dalle più vicine località protette per l'acqua potabile e/o altri scopi ambientali.
7. Caratteristiche climatiche della o delle regioni che possono essere colpite.
8. Caratteristiche geografiche, geologiche e pedologiche.
9. Flora e fauna, ivi comprese colture, bestiame d'allevamento e specie migratorie.
10. Descrizione degli ecosistemi, bersaglio o meno, che possono essere colpiti.
11. Confronto dell'habitat naturale dell'organismo ricevente con la zona proposta per l'emissione.
12. Eventuali programmi, conosciuti, di sviluppi o modifiche dell'uso del terreno nella regione che possono influenzare l'impatto ambientale dell'emissione.


IV. INFORMAZIONE SULLE INTERAZIONI TRA GLI OGM E L'AMBIENTE

A. Caratteristiche che influenzano la sopravvivenza, la moltiplicazione e la dispersione:

1. Caratteristiche biologiche che influenzano la sopravvivenza, la moltiplicazione e la dispersione.
2. Condizioni ambientali note o previste che possono influenzare la sopravvivenza, la moltiplicazione e la dispersione (vento, acqua, suolo, temperatura, pH, ecc.).
3. Sensibilità ad agenti specifici.

B. Interazioni con l'ambiente:

1. Habitat previsibile degli OGM.
2. Studi del comportamento, delle caratteristiche e dell'impatto ecologico degli OGM in ambienti naturali simulati, come microcosmi, stanze di crescita, serre.
3. Capacità di trasferimento genetico:
a) trasferimento, dopo l'emissione, di materiale genetico dagli OGM ad organismi negli ecosistemi influenzati;
b) trasferimento, dopo l'emissione, di materiale genetico da organismi indigeni agli OGM.
4. Probabilità di selezione, dopo l'emissione, che comporti la manifestazione di caratteri imprevisti e/o indesiderabili nell'organismo modificato.
5. Metodi applicati per garantire e verificare la stabilità genetica. Descrizione dei caratteri genetici che possono prevenire o ridurre al minimo la dispersione di materiale genetico. Metodi di verifica della stabilità genetica.
6. Vie di dispersione biologica, interazioni note o potenziali con l'agente di dispersione, incluse inalazione, ingestione, contatto in superficie, tana, ecc.
7. Descrizione di ecosistemi in cui gli OGM possono essere dispersi.

C. Impatto ambientale potenziale:

1. Possibilità di incremento eccessivo della popolazione nell'ambiente.
2. Vantaggio competitivo degli OGM rispetto allo o agli organismi riceventi o parenti non modificati.
3. Individuazione e descrizione degli organismi bersaglio.
4. Meccanismo previsto e osservato di interazione tra gli OGM emessi e l'organismo bersaglio.
5. Individuazione e descrizione di organismi non bersaglio che possono essere colpiti involontariamente.
6. Probabilità di variazioni, dopo l'emissione, delle interazioni biologiche o del campo ospite.
7. Effetti noti o previsti sugli organismi non bersaglio nell'ambiente, impatto sui livelli di popolazione degli organismi competitori, prede, ospiti, simbiotici, predatori, parassiti e patogeni.
8. Coinvolgimento noto o previsto in processi biochimici.
9. Altre interazioni con l'ambiente potenzialmente significative.


IV. INFORMAZIONE SUI PIANI DI SORVEGLIANZA, DI CONTROLLO E DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI E SUI PIANI DI INTERVENTO IN CASO DI EMERGENZA

A. Tecniche di sorveglianza:

1. Metodi per rintracciare gli OGM e per controllarne gli effetti.
2. Specificità (per individuare gli OGM e distinguerli dagli organismi donatori, ricevuti o se del caso, parenti), sensibilità e affidabilità delle tecniche di controllo.
3. Tecniche per rilevare il trasferimento del materiale genetico donato in altri organismi.
4. Durata e frequenza del controllo.

B. Controllo dell'emissione:

1. Metodi e procedure per evitare e/o ridurre al minimo la diffusione degli OGM al di fuori della zona d'emissione o della località designata per l'uso.
2. Metodi e procedure per proteggere la zona dall'intrusione di individui non autorizzati.
3. Metodi e procedure per impedire che altri organismi penetrino nella zona.

C. Trattamento dei rifiuti:

1. Tipo di rifiuti prodotto.
2. Volume di rifiuti previsto.
3. Eventuali rischi.
4. Descrizione del trattamento previsto.

D. Piani di intervento in caso di emergenza:

1. Metodi e procedure per controllare gli OGM in caso di diffusione non prevista.
2. Metodi di decontaminazione delle aree colpite, per esempio estirpazione degli OGM.
3. Metodi di eliminazione o di disinfezione per piante, animali, suoli, ecc., che sono stati esposti durante o dopo la diffusione.
4. Metodi per l'isolamento della zona colpita dalla diffusione.
5. Piani per la protezione della salute umana e dell'ambiente in caso di manifestazioni di effetti non desiderabili.

(1) Autorizzazione per la coltivazione di Ogm

L'autorizzazione deve essere rilasciata dalla X direzione del Ministero della Sanità che provvede a ricevere e controllare le notifiche della aziende e, di conseguenza, a concedere i necessari permessi.

Notificante Nr. notifica Data notifica Prodotto Progetto Periodo sperimentazione
Associazione Nazionale Bieticoltori  B/IT/98/53  29/12/98  barbabietola da zucchero  Barbabietola da zucchero resistente alla Kanamicina e all'erbicida Glufosinato ammonio (T 120).  febbraio - settembre 1999 
Az. Delegazione Pontificia del Santuario della Santa Casa di Loreto (MC) - Via Vallememoria - Recanati (MC)
Hilleshog NK S.p.A.  B/IT/97/23  09/07/97  barbabietola da zucchero  Barbabietola da zucchero resistente all'erbicida Glifosato.  gennaio 1997 - dicembre 2001 
Tenuta Cuniola - Via Buttifredo, 44 - S. Martino di Ferrara (FE)
Az. Agr. Ca' Bosco - Via S. Alberto, 325 - Ravenna (RA)
Az. Agr. Malvasia - Via Guidetti, 16 - Passo Segni (BO)
Istituto Sperimentale Orticoltura Sez. Ascoli Piceno  B/IT/99/01  05/01/99  melone  Melone ingegnerizzato per il carattere partenocarpia.  gennaio - giugno 1999 
Az. Sperim. dell'Ist. Sperim. per l'Orticoltura - Sez. di Ascoli Piceno - S.S. Salaria, Km 222 - Loc. Stella - Monsampolo del Tronto (AP)
Istituto Sperimentale Orticoltura Sez. Ascoli Piceno  B/IT/99/21  08/04/99  melanzana  Melanzana ingegnerizzata per il carattere partenocarpia.  maggio 1999 - giugno 2000 
Az. Sperim. dell'Ist. Sperim. per l'Orticoltura - Sez. di Ascoli Piceno - S.S. Salaria, Km 222 - Loc. Stella - Monsampolo del Tronto (AP)
Istituto Sperimentale per L'Orticoltura  B/IT/99/05  05/02/99  pomodoro  Pomodoro resistente al virus dell'avvizzimento maculato del (TSWV) (costrutto pSW9).  marzo - settembre 1999 
Az. dell'Ist. Sperim. per l'Orticoltura Sez. di Ascoli Piceno - S.S. Salaria Km 222 - Monsampolo del Tronto (AP)
Istituto Sperimentale per L'Orticoltura  B/IT/99/18  25/03/99  melanzana  Melanzana resistente a Dorifora.  maggio - ottobre 1999 
Az. Sperim. dell'Ist. Sperim. per l'Orticoltura - Sez. di Ascoli Piceno - S.S. Salaria Km 222 - Loc. Stella - Monsampolo del Tronto (AP)
Monsanto Italiana S.p.A.  B/IT/98/43  09/12/98  barbabietola da zucchero  Barbabietola da zucchero resistente all'erbicida Glifosato.  gennaio 1999 - dicembre 2001 
Delegazione Pontificia per il Santuario Santa Casa - Via della Madonna, 1 - Loreto (AN)


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]