IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO D'EUROPA INCORAGGIA L'USO DEI BIOCARBURANTI

 


Pubblicato lo studio tecnico del Comitati Termotecnico Italiano (CTI), l'Ente italiano di normazione del settore termotecnico.
Il Comitato Termotecnico Italiano, ente federato all'UNI con lo scopo di svolgere attività normativa nel settore termotecnico, ha pubblicato recentemente il rapporto sulla "Riduzione dell'impatto ambientale dei motori diesel." Nel rapporto viene dato ampio risalto all'utilizzo nei motori diesel dei combustibili alternativi al gasolio, e al Biodiesel in particolare.

Il rapporto prende le mosse dalla constatazione che i motori diesel, sempre più usati nel trasporto su strada, pur essendo ormai "insostituibili per le elevate rese energetiche" presentino il problema dell'inquinamento dell'aria con emissioni notevoli di particolato.

Il rapporto prende in esame il ricorso a combustibili alternativi, quali il Biodiesel, il gasolio di sintesi e le emulsioni acqua-gasolio.

"Un aspetto che differenzia nettamente il Biodiesel dagli altri combustibili - recita il rapporto del CTI - è la sua rinnovabilità e l'origine agricola. Il Biodiesel va considerato come un combustibile "ecologico", in quanto ottenuto da sostanze vegetali rinnovabili e può essere utilizzato in motori diesel senza o con minime modifiche tecniche".

Sulle caratteristiche specifiche del Biodiesel il rapporto sostiene che "non contiene zolfo e composti aromatici, presenta un bilancio della CO2 nullo (al tubo di scappamento), è biodegradabile e, allo stato attuale delle conoscenze, sembra produrre emissioni probabilmente meno cancerogene di quelle del gasolio".
Inoltre, il Biodiesel è ad oggi l'energia rinnovabile sulla quale si ha più letteratura. Ciò significa che quello che si afferma sul Biodiesel si può dire con un importante margine di certezza. Alcuni dei più importanti costruttori automobilistici europei tra cui IVECO, stanno riconoscendo ai motori alimentati a Biodiesel (puro e miscelato al 30%) le stesse garanzie di quelli alimentati a gasolio.

Il rapporto del CTI afferma che "Il miglioramento della qualità dell'aria delle zone urbanizzate non può che passare attraverso una politica che incoraggi una serie di provvedimenti armonizzati a tutti i livelli: dalla sostituzione dei motori tecnicamente superati, alla loro regolare manutenzione ed eventuale modifica nell'ottica di contenere l'impatto ambientale.
In questo quadro, l'uso dei biocombustibili e delle emulsioni possono dare aiuto significativo ma non risolutivo se tutti gli altri aspetti vengono trascurati":


IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO D'EUROPA INCORAGGIA L'USO DEI BIOCARBURANTI

Il 4 luglio 2002, il Parlamento Europeo ha adottato il rapporto di Pilar Ayuso y Gonzales, europarlamentare spagnola, relativo allo schema di una Direttiva della Commissione sulla Promozione dei Biocarburanti.
Il rapporto della Ayuso chiede agli Stati Membri di prendere misure per incrementare l'uso dei biocarburanti ad un minimo del 2% sul totale della benzina e del diesel venduto per l'autotrazione, entro il 2005. Questa percentuale dovrebbe crescere progressivamente fino a raggiungere il 5,75% entro il 2010.
Il Parlamento Europeo ha anche proposto l'adozione di strumenti finanziari per sostenere lo sviluppo dell'industria europea dei biocarburanti e di provvedimenti specifici per incoraggiare i Paesi Membri ad informare i consumatori sull'uso dei biocarburanti.

Questa decisione del Parlamento Europeo segue da vicino l'accordo politico raggiunto il 20 giugno 2002 dal Consiglio ECOFIN su una Direttiva che dovrebbe essere emanata dalla Commissione sulla detassazione dei biocarburanti. Questa Direttiva consentirà agli Stati Membri di applicare un'esenzione totale o una riduzione sulle accise applicate a tutti i biocarburanti venduti nell'Unione Europea a partire dal 2004, creando una base giuridica omogenea, senza più dover richiedere all'Unione Europea a partire dal 2004, creando una base giuridica omogenea, senza più dover richiedere all'Unione Europea autorizzazione ad hoc attraverso un estenuante procedimento burocratico.

Con queste due recenti decisioni, le autorità europee hanno implicitamente riconosciuto i significativi benefici ambientali derivanti dall'uso dei biocarburanti relativi alle emissioni ridotte di CO2 e di gas che provocano l'effetto serra, oltre che la conseguente riduzione della dipendenza dalle importazioni di carburanti fossili e l'impatto positivo sull'agricoltura.
I biocarburanti sono prodotti derivati da materie prime agricole che possono essere utilizzati sia in forma pura che in miscele con i carburanti convenzionali. Il biocarburante più usato è il Biodiesel. Per esempio, in Francia la maggior parte dei carburanti diesel di natura fossile sono miscelati con il Biodiesel. Il Biodiesel, prodotto da oli vegetali, può essere utilizzato sia come carburante per il trasporto che come combustibile da riscaldamento. L'Unione Europea è attualmente il maggior produttore mondiale di Biodiesel, con circa 850 mila tonnellate prodotte nel 2001.


IL BIODIESEL NELLE POLITICHE AMBIENTALI
Le fonti rinnovabili ed i Biocarburanti, come il Biodiesel, sono al centro delle politiche ambientali nazionali ed europee. Nei prossimi decenni è previsto un forte aumento della domanda di petrolio. Questo scenario è in contrasto con l'esigenza riconosciuta di ridurre le emissioni globali di gas serra ed in particolare con gli impegni assunti a Kyoto di paesi industrializzati. In questo contesto il Libro Verde della Commissione "Verso una strategia europea di sicurezza dell'approvvigionamento energetico" stabilisce come obiettivo la sostituzione del 20% del petrolio con combustibili alternativi nel settore trasporti stradali entro il 2020, nel duplice intento di migliorare la sicurezza dell'approvvigionamento e di ridurre le emissioni di gas serra.
Nell'aprile del 2001 è stato siglato in sede CNEL un Accordo Volontario per l'utilizzo del Biodiesel nel settore dei trasporti firmato da decine di soggetti coinvolti, comprendente Ministero dell'Ambiente, Ministero dell'Economia, Ministero delle Politiche Agricole e Ministero delle Attività Produttive, oltre a diverse associazioni ambientaliste, all'Unione Petrolifera, alle Associazioni di Trasportatori, ecc. Accordi locali sono stati siglati per l'utilizzo sulle flotte municipalizzate e di servizio pubblico di alcune Provincie e Comuni Italiani.

IL BIODIESEL IN EUROPA
L'Europa è il maggior produttore mondiale di Biodiesel.
Nel 2002 infatti, soltanto in Europa sono state prodotte e distribuite oltre 1 milione di tonnellate di Biodiesel, con una previsione di crescita del 200% nel prossimi due - tre anni.
Italia, Francia e Germania sono i principali produttori di Biodiesel europei con volumi distributivi in costante crescita.
In questi Paesi la produzione di Biodiesl è agevolata dalla legislazione vigente: in Italia e in Francia dal 1993 la produzione di Biodiesel è esente da accise per un contingente annuo (nel 2001) rispettivamente di 300.000 e 320.000 tonnellate.
In Germania invece è consentita esclusivamente la vendita di Biodiesel puro senza limiti quantitativi.
Un altro Paese nel quale questa produzione sta avendo sviluppi è l'Inghilterra che, da aprile 2002, ha iniziato una parziale defiscalizzazione di questo prodotto.
L'Europa ha recentemente promosso due direttive per l'incentivazione della produzione di biocarburanti.
In particolare, la prima direttiva era intesa all'armonizzazione dell'impostazione giuridica necessaria alla defiscalizzazione dei biocarburanti. La seconda ha posto invece agli Stati membri l'obiettivo di sostituire entro il 2005 il 2% dei carburanti fossili con biocarburanti ed entro il 2010 il 5% dei carburanti fossili con biocarburanti.
Entrambe le Direttive stanno procedendo nell'iter di approvazione del Parlamento Europeo e del Consiglio dei Ministri dell'Unione Europea.


 


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]