Al via il programma "10.000 tetti fotovoltaici"

Diecimila tetti fotovoltaici forniranno energia ad altrettanti edifici nei prossimi cinque anni, grazie alla serie di incentivi economici stanziati dal Ministero dell’Ambiente e dell’Industria, e gestiti dall’Enea, cui spetterà anche il compito di vigilare sulla effettiva realizzazione dei progetti. L’iniziativa rientra in un programma più generale di diffusione nel nostro Paese delle energie rinnovabili per far fronte agli impegni di taglio dei gas serra previsti dal protocollo di Kyoto.
Il programma dei tetti fotovoltaici, suddiviso in due fasi nell’arco di sei anni, prevede uno stanziamento iniziale di 63 miliardi da parte ministeriale, di cui 20 riservati agli impianti degli enti locali, 40 agli impianti privati gestiti dalle Regioni ed altri 3 destinati ad edifici ad alta valenza architettonica. Gli investimenti complessivi previsti dai ministeri, dagli enti locali e dai privati ammontano per il 2001 a 107 miliardi, mentre investimenti per altri 90 miliardi saranno attivati nel campo del solare termico a bassa temperatura, ossia nel riscaldamento dell’acqua per usi sanitari, arrivando quindi ad investimenti complessivi per circa 200 miliardi. Nell’ambito di questi programmi è prevista anche la solarizzazione dei penitenziari, tramite un accordo di programma stipulato col Ministero di Grazia e Giustizia.
L’ottimismo degli esponenti di Governo sul successo del programma “10.000 tetti fotovoltaici” è dovuto in gran parte anche alla possibilità per i privati che decidano di convertirsi al solare, di vendere l’energia in surplus alle società elettriche, scalando i relativi importi dalle bollette domestiche. Tutto questo grazie ad un accordo di base tra Ministeri competenti, Authority per l’energia e società elettriche.
I primi fondi saranno utilizzati per l’edilizia pubblica, e scolastica in particolare, poiché si spera che realizzando i tetti fotovoltaici negli edifici scolastici si produca anche una forte sensibilizzazione all’uso di questa tecnologia nei giovani e di conseguenza nei loro genitori.
Quando sarà completato il programma sul territorio del nostro Paese saranno installati circa 50 megawatt fotovoltaici, contro i 18 attuali.
Se il programma avrà successo, partirà un secondo programma, che prevede l’installazione di altri 40.000 tetti fotovoltaici, per uno stanziamento complessivo di 2.000 miliardi, di cui 1.100 capitali privati e 900 pubblici, con lo scopo di giungere entro il 2010 a 200 megawatt fotovoltaici nel territorio nazionale.
Inoltre, sempre a favore del fotovoltaico, la Finanziaria del 2001 ha previsto la spesa di 200 miliardi per la realizzazione da parte dell’Enea della più grande centrale solare termoelettrica d’Europa con una potenza di 100 MW, da costruirsi in una località del Mezzogiorno ancora da definire. L’investimento totale alla fine sarà di 450 miliardi con una significativa ricaduta in termini occupazionali per la zona in cui sorgerà.
L’energia solare è destinata nei prossimi anni ad assumere un ruolo sempre più significativo nel nostro Paese, nell’ambito della riduzione della dipendenza dal petrolio, poiché come ha ricordato il presidente dell’ENEA, Carlo Rubbia, non si può continuare ad ignorare che i raggi solari fanno piovere l’equivalente di un barile di petrolio per metro quadro l’anno, sfruttabile sin da ora tramite i pannelli fotovoltaici e il solare termico.


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]