Presentazione del progetto di trasformazione di INCA S.p.A. in
"MPS - Banca verde S.p.A."

Nella conferenza stampa tenutasi questo pomeriggio a Firenze, presso la sede dell'Istituto Nazionale di Credito Agrario, il Presidente della Banca Monte dei Paschi di Siena, Prof. Pier Luigi Fabrizi, ed il Presidente dell'INCA, Sen. Riccardo Margheriti, hanno illustrato alla stampa nazionale e ad una nutrita schiera di rappresentanti del mondo delle Istituzioni e dell'Economia Agricola il progetto di trasformazione di INCA S.p.A. in "MPS - Banca Verde" una banca per l'agricoltura di qualità e per l'ambiente.
Il Presidente Margheriti ha sottolineato come l'iniziativa risulti di notevole interesse in primo luogo per le possibili positive ricadute su tutti quegli operatori dell'agricoltura e dell'agroindustria italiana che credono fermamente nella qualità dei prodotti e dei processi, ed operano con coerenza, quindi, in queste direzioni.
Per altro verso - ha sottolineato Margheriti - il progetto si inserisce opportunamente nell'ampio dibattito sulle tematiche ambientali ed in particolare sullo sviluppo sostenibile della nostra economia e quindi stimolerà un forte interesse anche in tutti i soggetti che in varia misura operano nel settore ambientale (dalle imprese private agli Enti Pubblici).
Un settore ambientale - ha tenuto a precisare Margheriti - capace di generare ricchezza, in maniera autonoma, in una logica di corretto uso delle risorse naturali e di riduzione degli effetti negativi (soprattutto in termini di emissioni) dei cicli produttivi.
Margheriti ha pertanto espresso soddisfazione per la scelta compiuta dalla Capogruppo, la Banca Monte dei Paschi di Siena, che ha approvato il progetto che consentirà di dare ancor più concretezza, vigore ed evidenza al ruolo di Banca Verde.
Il Prof. Fabrizi ha esordito sottolineando come l'iniziativa oggi presentata non rappresenti un evento isolato, bensì si inserisca nella cornice più generale del processo di cambiamento in atto all'interno del Gruppo MPS in coerenza con gli indirizzi strategici e programmatici del Piano Industriale 2001-2004.
Considerando le prospettive del settore - ha proseguito Fabrizi - preme sottolineare che le valutazioni positive riguardano sia il comparto agrario, sia il comparto ambientale. Il primo in quanto caratterizzato da una progressiva estensione orizzontale e verticale del proprio ambito. Il secondo in quanto sostenuto dalla sempre maggiore attenzione che le pubbliche autorità, i consumatori e le imprese prestano alle problematiche attinenti la protezione e la salvaguardia degli ambiti nei quali quotidianamente tutti noi viviamo.
Il progetto di trasformazione dell'I.N.C.A. si inserisce dunque in questo quadro di circostanze esterne e interne complessivamente favorevoli.
Un progetto che prevede innanzitutto una nuova mission - ha sottolineato Fabrizi - che mira a fare di questo Istituto uno strumento specialistico nel settore ambientale a favore dello sviluppo economico sostenibile e a sostegno dell'agricoltura e dell'agroindustria di qualità. In coerenza con queste nuove finalità l'I.N.C.A. cambierà il proprio nome in "MPS-Banca Verde S.p.A." In questa nuova veste opererà come centro di eccellenza del Gruppo nei settori indicati, proponendosi, in particolare, come fabbrica di prodotti sia nel campo dei servizi di assistenza e consulenza normativa, tecnico-progettuale ed economico-finanziaria alle imprese, sia in quello dei finanziamenti specializzati, il tutto secondo un modello di offerta personalizzata, qualificata e congiunta.Più in particolare, "MPS-Banca Verde" assumerà il ruolo di strumento attuativo della politica del Gruppo nei comparti agrario e ambientale, fungendo da catalizzatore di tutte le opportunità di business nei campi di attività presidiati.
Dal punto di vista delle modalità distributive dei propri servizi, seguirà la logica della multicanalità integrata, proponendosi al mercato, sia tramite la rete delle banche commerciali del Gruppo MPS, sia direttamente sia ricorrendo a collaboratori esterni. Ampio spazio sarà riservato ai canali innovativi attraverso la creazione di un "portale verde"
In chiusura Fabrizi ha voluto fare cenno alle performances attese per "MPS-Banca Verde" che risultano positive sia in termini di volumi di erogazioni sia di margini reddituali.


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]