La "famosa" Mobilità Sostenibile:
i decreti del Ministero dell'Ambiente

Sono stati pubblicati sulla Gazzetta ufficiale del 5 aprile scorso (n. 80) tre decreti del Ministero dell'ambiente che prevedono finanziamenti in materia di mobilità sostenibile.

In particolare si tratta di:

1. Decreto 22 dicembre 2000 recante "Finanziamento ai Comuni per la realizzazione di politiche radicali ed interventi integrati per la mobilità sostenibile nelle aree urbane";

2. Decreto 20 dicembre 2000 recante "Incentivi ai Comuni per i programma nazionale di car sharing"

3. Decreto 20 dicembre 2000 recante "Finanziamenti ai Comuni per il Governo della domanda di mobilità ("mobility management")

La prima misura di finanziamento, per cui il Ministero ha stanziato 68 miliardi di lire, è destinata ai Comuni che hanno aderito all'iniziativa "Domeniche ecologiche" e che, entro il 4 luglio 2001, presenteranno progetti nelle seguenti aree di intervento:
a) realizzazione, integrazione, completamento di sistemi di taxi collettivo o trasporti collettivi innovativi;
b) sviluppo delle applicazioni di "road pricing" e "road-calming" (regolazione e controllo del traffico nei centri urbani mediante sistemi automatizzati);
c) realizzazione, integrazione o completamento di sistemi di trasporto pubblico o servizio di pubblica utilità che utilizzano veicoli a trazione elettrica o alimentati a gas;
d) potenziamento di flotte di biciclette, di veicoli elettrici a due o tre ruote e quadricicli, anche da adibire a noleggio;
e) potenziamento dei sistemi di monitoraggio degli inquinanti atmosferici;
f) attuazione di progetti dimostrativi relativi a prototipi di veicoli a emissioni zero, a dispositivi per la riduzione delle emissioni in atmosfera del parco circolante dei veicoli pesanti, a modelli di correlazione traffico-inquinamento atmosferico.

In base all'area di intervento varia la percentuale massima di cofinanziamento del Ministero (dal 25% al 50% delle spese ammesse).

Per quanto riguarda invece gli incentivi ai comuni per il programma nazionale di car sharing (Il car sharing è un servizio di mobilità innovativa che promuove l'uso dell'auto in multiproprietà), le risorse previste (pari a 10 miliardi di lire), saranno erogate a favore dell'"Iniziativa car sharing" (ICS) che è coatituita tra i 14 comuni firmatari, assieme al Ministero dell'Ambiente, del Protocollo di Intesa del 26 gennaio 2000 per la realizzazione di un programma nazionale di car sharing.

Il terzo, ed ultimo, bando riguarda il finanziamento di azioni per la realizzazione di interventi di organizzazione della gestione della mobilità, delle persone e delle merci. In particolare sono ammessi i progetti riguardanti la realizzazione, integrazione e completamento di interventi relativi agli spostamenti casa-scuola.-lavoro, previsti dai piani predisposti dai mobility manager aziendali ed approvati da quelli di area. Possono presentare domanda, i Comuni e le associazioni di comuni previste dal Capo V del Dlgs 267/2001, nonché le Province su delega dei Comuni interessati. Per quanto riguarda la data di presentazione delle domande di finanziamento occorrerà attendere la pubblicazione di un apposito avviso in Gazzetta Ufficiale).


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]