Effetto serra: Bush si rimangia
le promesse elettorali

EFFETTO SERRA, Washington (CNN) -- L'amministrazione Bush si rimangia l'impegno di ridurre le emissioni di anidride carbonica e attira le critiche di tutti i gruppi ambientalisti, americani e internazionali.
E' successo martedì, quando in una lettera a un parlamentare Bush ha rivelato che il suo governo non imporrà la riduzione delle emissioni di anidride carbonica alle centrali elettriche americane. Durante la campagna elettorale Bush aveva promesso esattamente il contrario e solo poche settimane fa, alla riunione del G8 a Trieste, la neoministra dell'ambiente Christine Whitman aveva confermato quell'impegno.
"George Bush è stato molto chiaro durante la campagna elettorale - aveva detto a febbraio in un'intervista alla CNN la Whitman - Ha detto di credere in una strategia dei multi-inquinanti e questo comprende il CO2 (anidride carbonica) e io mi sono riferita a questo. E' stato anche molto chiaro circa il fatto che gli studi scientifici sull'effetto serra sono buoni. Esistono. Esiste un problema reale che l'effetto serra pone al mondo e che affrontare la questione del CO2 avrà un impatto su di esso ed è un passo importante da fare".
Al giornalista che insisteva, la ministra aggiunse che non ci doveva essere alcun dubbio sull'impegno di Bush di considerare l'anidride carbonica come un fattore inquinante.
Molti scienziati ritengono che una diminuzione delle emissioni di anidride carbonica avrebbe un effetto positivo sull'effetto serra riducendo la tendenza verso un aumento globale della temperatura, con le conseguenze di siccità, disastri agricoli e aumento del livello dei mari.
In una lettera al senatore repubblicano Chuck Hagel, del Nebraska, Bush non ha fatto riferimento alla sua promessa elettorale, ma ha sottolineato che l'anidride carbonica non è considerata un fattore inquinante dal Clean Air Act, la legge sull'inquinamento atmosferico. Il presidente americano ha anche aggiunto che mettere dei tetti alle emissioni di CO2 farebbe aumentare le bollette dell'energia elettrica.
La questione - conclude il presidente americano - "ha bisogno di essere nuovamente esaminate, specialmente in un momento nel quale i prezzi dell'energia aumentano e c'è una seria penuria di energia".
"E' insultante per il popolo americano che il presidente Bush usi la crisi elettrica come scusa per consentire a centrali elettriche vecchie e inefficienti di continuare a inquinare la nostra aria", ha subito commentato il deputato democratico George Miller, eletto in California dove più acuta è la crisi energetica.
"Ci sono voluti solo 60 giorni al presidente per abbandonare la promessa più precisa che avesse fatto in materia ambientale durante la campagna elettorale", ha commentato Phil Clapp, presidente del National Environmental Trust americano, secondo il quale il presidente ha smentito il suo stesso ministro facendola andare avanti e poi tagliandole l'erba sotto i piedi.
Fred Krupp, direttore esecutivo dell'Environmental Defense Fund, lamenta che le dichiarazioni di Bush rendono più difficili gli sforzi scientifici per combattere l'effetto serra, "la più importante minaccia ambientale del secolo, senza offrire un'alternativa".
La decisione di Bush è giunta solo pochi giorni prima della presentazione di un progetto di legge preparato da un gruppo di parlamentari democratici e repubblicani che impone dei limiti alle missioni di anidride carbonica.
Rammarico è stato espresso anche dal governo di Tokyo. Un funzionario del ministero dell'Ambiente giapponese ha detto di non avere avuto conferme dirette dell'intenzione del presidente americano, ma che se " gli Stati Uniti non prenderanno queste misure per ridurre i gas responsabili dell'effetto serra, ciò potrebbe seriamente limitare l'efficacia del protocollo di Kyoto".
L'accordo di Kyoto, raggiunto nel 1997 sotto l'egida dell'Onu per ridurre questo tipo di gas, è stato firmato dagli Stati Uniti, ma non ratificato dal Senato.


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]