JOSE' BOVE' - l'anti-globalizzazione

Josè Bovè, nato 46 anni fa a Bordeaux, allevatore di bestiame nel "Larzac" sud della Francia, sposato, due figlie, 560 pecore, capo della "Confederation Paysanne" sindacato di sinistra dei contadini.
Brevi notizie sulla famiglia Bovè: i genitori erano ricercatori all'INRA (istituto nazionale di ricerca agricola), quando Josè aveva fra 3 a 6 anni, allora viveva in California (Stati Uniti) e frequentava una scuola americana. Ritornato in Francia frequentò una scuola bilingue vicino a Versailles.
Nel 68, con il movimento studentesco, Bovè sceglie l'ala della non violenza antimilitarista, trova dei compagni che la pensano come lui sul sistema paese nella galassia della sinistra radicale. Quarant'anni dopo, il suo inglese fluente gli sarà prezioso per diventare l'interlocutore privilegiato della stampa anglosassone. Nel 1987, fonda la Confederatio Paysanne (Confederazione Contadina) con alcuni compagni del 68, di cui egli è il portavoce. Come nasce l'antiglobalizzazione di Bovè? Josè Bovè è una persona profondamente anticonformista negli anni 70, protesta contro la militarizzazione della pianura del "Larzac", ancora nel 1995 protesta contro i test atomici francesi di Mururoa. Nel 1998 Bovè viene condannato a otto mesi di prigione con la condizionale per la distruzione di una piantagione di mais transgenico. Il 12 agosto 1999 Bovè ed un centinaio di agricoltori distruggono un McDonald's in costruzione per protestare contro i dazi decisi dagli Stati Uniti contro un centinaio di prodotti agricoli francesi (tra cui il formaggio Roquefort). Bovè e altri nove compagni finiscono in tribunale per quell'atto. Il 19 agosto Bovè si costituisce presso la prigione di Montpellier. Viene organizzata una manifestazione per protestare contro quell'arresto; 500 persone scendono sulle strade di Millau controllate dalla polizia. Il 7 settembre nasce un movimento internazionale di solidarietà che si propone di sostenere Bovè nella sua lotta contro l'agricoltura industriale e la globalizzazione in vista della preparazione del vertice dell'OCM. Questo comitato provvede anche a pagare la cauzione per farlo uscire dalla prigione, dopo tre settimane di detenzione. Uscito dalla prigione, durante un pic-nic davanti al carcere dove egli era detenuto, invita Jacques Chirac e Lionel Jospin ad esprimere le loro posizioni sui vari temi in programma al vertice dell'OCM. Il 27 novembre, su iniziativa di Bovè e compagni, migliaia di persone manifestarono in alcune città di Francia con lo slogan"Le monde n'est pas une marchandise" Il mondo non è una merce. il 30 novembre i militanti anti OCM bloccano la cerimonia di apertura del vertice di Seattle negli Stati Uniti. Il 29 gennaio 2000, il CCCOMC (collettivo per un controllo cittadino dell'OMC) lancia una manifestazione nazionale anti globalizzazione a Davos in Svizzera in replica al vertice del Worl Economic Forum. I militanti del CCCOMC, trovano le strade blindate della città, ma la loro violenza contro il ristorante MacDonald's fa si che vengano neutralizzati dalla polizia svizzera con gas lacrimogeni e pallottole di gomma. La stampa francese parla di "errori della polizia contro i cittadini". Il 27 febbraio 2000 all'apertura del salone dell'agricoltura a Parigi viene presentato i libro di Josè Bovè e Francois Dufour "Le monde n'est pas une marchandise". Bovè e Francois dedicano il loro libro al Presidente della Repubblica Jacques Chirac che visita lo stand della Conferenza contadina. Il 15 marzo si installa a Millau il comitato organizzativo della manifestazione del 30 giugno, data alla quale si aprirà il processo dei dieci imputati nell'ambito dell'affare MacDonald's. Il comitato organizzativo ha deciso di fare una campagna popolare nelle città per informare la gente comune sulla globalizzazione dell'economia e sul mercanteggiamento della vita. Oltre la pubblicità fattasi con il processo , bisogna riconoscere la popolarità acquisita da Bovè; egli in pochi mesi è riuscito ad internazionalizzare i movimento anti globalizzazione del'economia ed associare alcuni movimenti che militano per la cancellazione del debito del terzo mondo, in particolare contro le istituzioni di Breton Wood cioè il FMI e la Banca Mondiale. Nei mesi di aprile, maggio e giugno, le comissioni del comitato organizzativo preparano un assemblea, invitando a Millau le associazioni che militano a sostegno degli imputati. Il 30 giugno all'apertura del processo arrivano le delegazioni dall'India, Africa, Stati Uniti, America Latina, Europa, e delle associazioni (CCCOMC, Attac, Droits devant, Confederation Paysanne, Public Ctizen's, Direct action Network) che conducono la battaglia contro la globalizazione; 25.000 persone nelle strade della città trasformano il processo di Bovè in un allegro festival antiglobalizzazione. Il tribunale di Millau ha fissato per il 13 settembre prossimo la sentenza nell'affare Bovè e compagni. Il Procuratore della Repubblica di Millau ha chiesto dieci mesi di prigione di cui nove con la condizionale. "Chiedo delle pene dissuasive affinchè essi non ricomincino più con tali comportamenti", insistendo sulla "gravità dei fatti". Secondo Bovè, con il suo processo la città di Millau è diventata la capitale della resistenza alla globalizzazione dell'economia; lo spirito del 30 giugno deve prolungarsi per rinforzare le lotte e la mobilitazione . La giornata
del 30 giugno è stata dichiarata giornata della lotta contro la globalizzazione. Ogni anno nello stesso giorno i movimenti antiglobalizzazione si ritroveranno a Millau per riflettere sul futuro del mondo, e soprattutto dell'andamento dei rapporti Nord/Sud, gli scambi commerciali, il problema del debito ecc.ecc..


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]