QUALI MODIFICHE PER L'USO DEL BIODIESEL IN TUTTI I MOTORI?


Per quanto riguarda l'utilizzo, il biodiesel può essere utilizzato nella maggior parte dei motori diesel senza sostanziali modifiche.
Gli inconvenienti sono facilmente risolvibili , poichè questi si limitano alla dissoluzione delle gomme naturali, ed al trafilamento del carburante per alcuni tipi di veicoli.
Il biodiesel come del resto altri olii vegetali, sono ottimi solventi delle gomme naturali, pertanto eventuali tubi di collegamento in questo materiale presenti nel circuito di alimentazione dal carburante alla pompa di iniezione tendono ad essere rapidamente dissolte se non sostituite con idonei materiali resistenti a questa azione.
Per quanto concerne il trafilamento del carburante, il fenomeno riguarda le pompe di iniezione cosiddette "in linea", per quelle auto dove queste pompe sono lubrificate con lo stesso olio del motore. A seguito della usura dei pompanti si verificano, col tempo, dei trafilamenti di carburante nella sottostante coppa di lubrificazione dell'albero a camme e conseguente travaso nella coppa dell'olio motore dal momento che i due circuiti sono comunicanti. Questo fenomeno è comune anche al gasolio minerale anche se non causa particolari problemi poiché esso evapora attorno ai 120° + 130° C inferiori alle normali temperature a cui si trova l'olio del circuito di lubrificazione (disperdendosi però nell'ambiente con inevitabile aumento del grado di inquinamento).
L'elevata temperatura di evaporazione del biodiesel che supera i 300° C invece, impedisce al combustibile vegetale di evaporare rimanendo miscelato all'olio di lubrificazione.
Questa sua caratteristica può comportare una concomitanza di fattori negativi quali: diluizione dell'olio motore, con conseguente diminuzione del potere lubrificante, formazione di lacche semisolide, dovute alla polimerizzazione del prodotto vegetale alle alte temperature di contatto che si raggiungono in alcune parti del circuito di lubrificazione; dissoluzione di eventuali morchie e depositi presenti nella coppa dell'olio con conseguenti trascinamenti nel circuito di lubrificazione e possibile occlusione degli orifizi di passaggio.
Tale effetto è estremamente amplificato nel caso di impiego di biodiesel da olio di girasole, caratterizzato da elevata insaturazione e da presenza di cere.
Per la risoluzione di questo problema la Estereco consiglia un proprio kit che effettua una semplice modifica al sistema di alimentazione/pompa di iniezione.
La Novaol (http://www.novaol.it), nel proprio sito suggerisce semplicemente di sostituire più frequentemente il lubrificante e sostituire al primo o al secondo rifornimento di biodiesel il filtro di alimentazione combustibile.



[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali]
[Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]