VACCINI ZOOTECNICI PERICOLOSI:

IL MINISTERO CONOSCEVA L’INEFFICACIA, MA LI RENDE OBBLIGATORI.

MORUZZI DENUNCIA E CHIEDE DIMISSIONI.




"LINGUA BLU": Il capogruppo dei Verdi Regione Marche, Marco Moruzzi, scrive ai Sindaci della Marche.


Sono arrivati in questi giorni in tutte le Asl delle Marche i vaccini contro la “lingua blu” che gli allevatori rifiutano perché nel 2002 e 2003 nelle Regioni del centro e sud Italia in cui sono stati utilizzati si sono registrati negli allevamenti bovini ed ovini morti, aborti, false gravidanze, sterilità, nascita di animali malformati
La regione Marche ha presentato un ricorso contro le vaccinazioni obbligatorie per tutti i ruminanti, ma questo non sospende l'applicazione delle disposizioni ministeriali prevedono il completamento delle vaccinazioni entro il 30 aprile.
La malattia che colpisce gli ovini, causa una infiammazione della bocca e dell'apparato respiratorio e nei bovini non provoca danni, non è presente nelle Marche, né è trasmissibile all’uomo, ma il Ministero insiste per l’effettuazione della vaccinazione.
Una lettera dell' Istituto Zooprofilattico di Teramo (responsabile a livello nazionale della emergenza “lingua blu”) al Ministero della salute rivela che la scarsa efficacia del vaccino era nota ai responsabili dei provvedimenti , ed in particolare la lettera riporta che:
? " il vaccino previsto per le Marche (composto dai sierotipi 2, 4, 9 e 16) detrmina una scarsa immunizzazione degli animali alla malattia", cioè non è efficace;
? "si sta procedendo all’utilizzo del vaccino con composizione mai usata né in Italia né in altri paesi" e senza aver eseguito le prove di innocuità ed immunogenicità stabilite per legge;
? il vaccino più simile a quello che si vuole usare nelle Marche è predisposto per agire contro i 5 tipi di virus presenti in Italia, per alcuni ceppi virali risulta totalmente inefficace e su altri ha effetto solo su 1 animale su 4.
A questo punto non ci sono dubbi, queste vaccinazioni inutili e dannose vanno sospese. Non si può imporre agli allevamenti vaccinazioni coatte, con ordinanze dei Sindaci.
Vanno piuttosto rimossi i responsabili nazionali della task-force che si è occupata delle lingua blu negli ultimi due anni.
Più si approfondisce la conoscenza dei fatti, più emerge la realtà di una vaccinazione avventata e discutibile in cui le autorità incaricate dei controlli (Istituto Zooprofilattico di Teramo) sono le stesse che producono e commercializzano i vaccini.
Questo tipo di vaccinazione minaccia gli stessi prodotti tipici del nostro territorio e contrasta con gli interessi dei produttori e dei consumatori. Ridimensionare la zootecnia nei nostri territori non solo può far venire meno le carni di qualità, ma latte, formaggi, ricotte, panna, burro che sono alla base di tante produzioni artigianali. Proprio mentre si fa un gran parlare delle produzioni da salvare, dei prodotti tradizionali in ginocchio quegli allevamenti non intensivi che rimangono nel territorio marchigiano.
Già oggi il deficit zootecnico italiano ci costringe ad importare gran parte di quello che consumiamo (il 40% delle carni bovine, il 56% degli ovini, il 33% dei suini), un sistema che concentra reddito ed affari nelle mani di pochi, pronti a sostituire i prodotti nazionali con quelli provenienti da altri mercati nel nome della globalizzazione, dell’efficienza e della riduzione dei costi e i Verdi si stanno attivando a livello nazionale ed europeo per porre fine all'uso di vaccini pericolosi per gli animali ed inefficaci.

Marco Moruzzi
Consigliere Regionale Gruppo Verdi


 

La lettera spedita ai Sindaci

 

 

Gentile Sindaco,

Da alcuni mesi gli allevatori delle Marche sono in agitazione per la decisione del Ministero della Salute di estendere la vaccinazione obbligatoria contro la "lingua blu" alle Marche (provincie di Macerata ed Ascoli Piceno), nonostante questa malattia non sia trasmissibile all'uomo, non arrechi danni alle carni ed ai prodotti zootecnici (latte, formaggi ecc.) e non sia mai arrivata nella nostra regione.
Il problema non viene tanto dalla malattia (anche se dovesse arrivare), quanto dai vaccini che provocano danni di gran lunga superiori a quelli della malattia, secondo numerose segnalazioni di allevatori e veterinari.

I vaccini che nel Centro-Sud di Italia, sono stati somministrati già nel 2002 e nel 2003, hanno provocato la morte in misura molto rilevante di bovini e bufali (che di "lingua blu" non muoiono) e di caprini ed ovini ( che invece registrano decessi in caso di malattia). Alla mortalità degli animali si aggiungono il crollo delle produzioni di latte, la riduzione della fertilità, aborti, nascita di animali gravemente malformati.
Le autorità sanitarie ministeriali minimizzano questa circostanza, perché la dimostrazione scientifica del rapporto causa effetto, richiede protocolli e certificazioni che normalmente le aziende non hanno seguito. Il vaccino, che unici in Europa stiamo usando come strumento obbligatorio (in paesi come la Spagna, Grecia ecc. le strategie sono diverse), ridurrebbe le difese immunitarie degli animali che muoiono per arresti cardiaci, polmoniti ed altre patologie che normalmente vengono superate dall'organismo degli animali. Anche quando questi ultimi non muoiono, appaiono indeboliti, necessitano di cure farmacologiche, con tutti i problemi collegati alla presenza di residui di farmaci negli alimenti (es. il latte non può essere commercializzato).
Il Ministero della Salute riconduce tali situazioni alla esecuzione della vaccinazione in periodi sbagliati o su soggetti in non perfette condizioni di salute, ciò non toglie che dopo l'introduzione dei vaccini in moltissimi allevamenti, (indenni da "lingua blu"), sono esplose situazioni sanitarie insostenibili per gli imprenditori.

In Abruzzo, dove al contrario delle Marche la vaccinazione obbligatoria era già arrivata, numerose aziende hanno dovuto dismettere l'attività zootecnica e venduto le quote latte a favore di aziende agricole del Nord Italia, che stanno approfittando delle difficoltà degli allevatori appenninici per fare incetta delle loro quote latte. Non a caso il Consiglio regionale dell'Abruzzo nella giornata di martedì 2 febbraio c.a. ha approvato all'unanimità una risoluzione con cui impegna il Presidente della Giunta Regionale a sospendere la campagna vaccinale (che dovrebbe essere avviata in questi giorni e conclusa entro il 30 aprile) e predisporre un piano di risarcimento per danni subiti in passato. Analoga richiesta è stata inoltrata il 3 febbraio dal Consiglio Regionale della Sardegna.

Nella nostra Regione, dove la vaccinazione è stata prevista per la prima volta quest'anno (con atto del Ministero per la Salute) quale forma di prevenzione della malattia e non a seguito della comparsa della "lingua blu" nel nostro territorio, la Giunta Regionale ha manifestato la propria opposizione ricorrendo contro le decisioni del Ministero unitamente alle Regioni Lazio, Umbria e Sardegna, ma il ricorso non è sufficiente per la sospensione del provvedimento statale. Le ASL possono procedere d'ufficio e in caso di rifiuto dell'allevatore di praticare la vaccinazione, la profilassi coatta può essere eseguita solo con il provvedimento del Sindaco. A tale scopo ho ritenuto necessario informaLa di quanto sta accadendo e dell'esistenza di seri motivi che spingono gli allevatori a dire no a questi vaccini.

Proprio oggi durante la discussione in Senato dell'argomento vaccinazione, a seguito di una mozione sottoscritta da 75 senatori, è stata resa pubblica una corrispondenza riservata tra Ministero ed Istituto Zooprofilattico di Teramo, nella quale si dice - "Al momento non esistono dati scientifici esaurienti sull'efficacia della vaccinazione con vaccino tetravalente, contenente i sierotipi 2,4,9 e 16 (quello destinato alle Marche che è pervenuto in questi giorni alle ASL marchigiane) e sui possibili fenomeni di interferenze" - ed in relazione ¬alle somministrazioni in unico intervento si parla di "possibile scarsa immunizzazione delle popolazioni animali nei confronti di uno o più sierotipi. I dati delle prove di valutazione dell'efficacia vaccinale eseguita dall'Istituto Produttore indicano che su quattro pecore vaccinate con vaccino pentavalente contenente i sierotipi BTV1/BTV2/BTV4/BTV9/ e BTV16, una pecora ha sviluppato anticorpi contro il BTV1 ed il BTV9, due contro il BTV4, quattro contro il BTV16 e nessuna contro il BTV2".

Questa campagna vaccinale non solo ricorre a prodotti farmaceutici non registrati in Italia, ma addirittura usa farmaci la cui efficacia viene sperimentata soltanto ora sulla pelle delle aziende zootecniche italiane.
Uno degli effetti riscontrati in molti territori sottoposti alle vaccinazioni è la riduzione se non addirittura la scomparsa di alcuni prodotti tipici del territorio.
Senza voler sottovalutare la necessità di contenere la diffusione della "lingua blu" tra gli animali, buon senso vorrebbe che di fronte ad allevatori, che in passato non si sono sottratti al rispetto delle regole di profilassi veterinaria, oggi denunciano che non ci troviamo di fronte ad un vaccino, ma ad una minaccia per la sopravvivenza dei loro allevamenti, si sospenda questa vaccinazione avventata e discutibile sotto troppi punti di vista.

Sarò lieto di poter essere utile in caso di necessità dato che sto seguendo da vicino tutta la vicenda.


Cordiali saluti

Marco Moruzzi

 


[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali]
[Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]