Parco del Conero
Luoghi d'Interesse e Centri Visita


Santa Maria di Portonovo
Incastonata nel verde della macchia mediterranea e lambita dal bleu dell'Adriatico, la Chiesa di Santa Maria di Portonovo, eretta in candida pietra del Conero, gioiello di architettura romanica, con caratteristiche che fondono la croce greca con le forme della basilica latina, sta a ricordarci che nel 1034 fu edificato, in questo splendido luogo, un Monastero.
La comunità dei Monaci estese la propria influenza in una vasta area al di là dei Castelli di Poggio, Camerano, Sirolo e Numana


Torre di guardia
Nel 1716 Papa Clemente XI fece costruire, a Portonovo, la torre di guardia, edificio a pianta quadrata, un manufatto che ricalca fattezze quattrocentesche, realizzato in pietra del Conero e in laterizio, provvisto di copertura utile all'appostamento con le armi da fuoco. Il presidio serviva ad avvistare ed impedire le scorribande di pirati e contrabbandieri. Divenuto rifugio del poeta anconitano Adolfo De Bosis, frequentato anche da Gabriele D'Annuzio, oggi appartiene ai suoi eredi, é centro di iniziative culturali e, su richiesta, la torre può essere visitata.


Fortino Napoleonico
Nel 1808 il vicerè del Regno Italico Eugenio Behauharnais fece costruire, nella baia di Portonovo, una fortezza per impedire l'approdo alle navi inglesi. Fu realizzata utilizzando anche il materiale recuperato dalle rovine del Monastero e della torre campanaria annessi alla Chiesa di Santa Maria. Dopo un periodo di abbandono e rovina é stato ricostruito, nel rispetto dell'antica pianta,ed oggi é una prestigiosa struttura turistica. Su richiesta può essere visitato.


San Pietro al Conero
Sulla sommità del Conero, fra lecci e corbezzoli, c'è la Chiesa di San Pietro con annesso convento oggi, in gran parte, trasformato in albergo. Nel Medioevo, infatti, il Conero divenne luogo di eremitaggio e di Comunità religiose. I Benedettini costruirono due Chiese: una in basso, San Benedetto ed un'altra in alto, San Pietro. La Chiesa di San Pietro, una volta andata in rovina, é stata riedificata dai Camaldolesi che vi risiedettero fino al 1861. San Pietro conserva ancora forme e stile dell'antica struttura, bianca e minuscola come vuole il romanico. L'interno una navata centrale con la volta a botte e a crociera, colonne e pilastri sono adornati da capitelli decorati. Foglie di acanto,bacche di pino, e motivi floreali sono intessuti nelle pietre. Sotto il coro si cela la cripta dove si costudivano le reliquie. I viali ed i sentieri tracciati dai Monaci sono ancora percorribili e portano a stupende escursioni.


Numana ed il suo Antiquarium
Antico centro piceno e poi romano, la sua storia é largamente documentata nell'Antiquarium e nel Museo Nazionale di Ancona. Vasi attici, monili, armi da guerra e tutto ciò che di pregevole é stato ricavato dalle sue necropoli costituite da quasi novecento tombe sono visibili nell'Antiquarium e "raccontano" tutto l'arco evolutivo della civiltà picena dal VII secolo all'età romana. La struttura espositiva (tel. 071-9330585) é aperta la pubblico in Via La Fenice 4, l'ingresso é gratuito.


Sirolo
La tradizione vuole che il nome derivi da Sirio, condottiero medioevale cui fu donato il luogo ove fu edificato il castello da Belisario, dopo la vittoria sui Goti del 560. Probabilmente l'area era già stata abitata, in epoca romana, come dipendenza del Municipio di Umana (oggi Numana). Il piccolo centro, adagiato sulle pendici del Conero, presenta ineccepibili permanenze medievali ed é illuminato da singolari scorci marini. E' sede del Consorzio Parco del Conero.


Museo Luigi Paolucci 
Ad Offagna, piccolo e splendido comune medioevale a pochi chilometri dall'area del Parco, è stato recentemente inaugurato il Museo dedicato al naturalista Luigi Paolucci.
Sono sette sale nelle quali si possono studiare gli ambienti fluviali, costieri, collinari, carsici e montani e le gole calcaree.
Tutte le Marche, Conero compreso, sono citate ed illustrate.
L'indirizzo: Via del Monastero 2, 60020 Offagna
Tel. e Fax 071/7107611 - 071/7107612.
Su internet: http://www.imar.net/paolucci
Centri Visita

Centro visite del Parco del Conero

sede: presso l'edificio del Centro polivalente in via Peschiera n. 30/A. a Sirolo

periodo di chiusura: mesi di Gennaio Febbraio

orario di apertura: dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 17:00 nel periodo estivo, dalle 9:00 alle 13:00 e chiusura nei giorni di domenica e festivi il resto dell'anno.

telefono e Fax: 071/9331879

note: grazie alla sua superficie interna di 350 mq e la presenza di un ampio parcheggio il Centro visite risulta essere una strutture polifunzionale capace di soddisfare il primo contatto tra turisti e Parco nel periodo estivo, e maggior integrazione tra Parco e residenti tutto l'anno.

Nel Centro-visite vengono date informazioni ed organizzate guide sui 18 sentieri escursionistici del Parco, vengono inoltre organizzati mostre tematiche e innumerevoli incontri serali estivi.

[Alimentazione Naturale ] [Agricoltura Biologica] [Medicina Alternativa] [Ambiente e Benessere] [Agriturismo] [Inquinamento]
[Parchi Regionali] [Il Mare] [Energia Pulita] [OGM][Comuni Transgenici] [News] [Unione Europea] [Leggi Regionali] [Fiere e Mercati]
[Convegni e Congressi] [News per le Imprese] [Verdi Regione Marche] [AgriNEWS] [Links] [HOME]